Ristoranti

Hotel

Pensieri

Chi sono

Top
  >  Estero   >  Francia   >  COSA MANGIARE IN ALSAZIA: 5 (+1) PIATTI TRADIZIONALI
Bretzel su bancarella di Strasburgo

State organizzando il vostro viaggio a Strasburgo o in una delle altre pittoresche città alsaziane e vi chiedete quali sono i piatti tipici da assaggiare? Se siete delle buone forchette il panorama gastronomico di questa regione non vi deluderà!

La cucina alsaziana, fortemente influenzata dalla tradizione culinaria germanica, è ricca di ingredienti, sapori e grassi saturi che faranno la gioia delle vostre papille gustative e un po’ meno del vostro organismo; attenzione quindi a non esagerare! Le alternative tra cui scegliere sono davvero tantissime, le ricette infatti spaziano dai secondi piatti a base di carne e verdure, ai formaggi saporiti come il Munster; dal semplice Bretzel delle comuni boulangeries, ai dolci scenografici delle pâtisseries più raffinate.

Di seguito vi presento alcune specialità alsaziane, accuratamente selezionate in base alla popolarità dei piatti, ma anche a quelle che sono le preferenze delle mie papille gustative!

CHOUCROUTE ALSAZIANA

Questo è probabilmente il piatto alsaziano per eccellenza, non troverete infatti nessun ristorante che non proponga la tradizionale choucroute alsaziana o choucroute garnie. Si tratta di un piatto unico, per niente light, a base di crauti fermentati, patate, salsiccia e carne di maiale. La digestione sarà sicuramente piuttosto lunga, ma questa ricetta soddisferà il palato degli amanti dei piatti sostanziosi e saporiti.

Durante il mese di dicembre, ai mercatini di Natale, è possibile trovare anche la versione take-away e gustarsi la choucroute immersi nell’atmosfera natalizia, magari accompagnata da un buon bicchiere di vino caldo.

Se non siete amanti della carne invece, sappiate che in alcuni ristoranti come la Kammerzel di Strasburgo, è possibile assaggiare anche la versione più delicata e al pesce.

Choucroute Alsaziana

TARTE FLAMBÉE

Tra i vari piatti (salati) della cucina tradizionale alsaziana, questo è senza dubbio il mio preferito.

All’apparenza potrebbe ricordare vagamente una pizza senza pomodoro, in realtà la tarte flambée è molto diversa sia per sapore che per consistenza. Si tratta, infatti, di una base di pasta molto sottile sui cui viene spalmato un composto di fromage blanc e panna liquida, farcito con pancetta e cipolla. Oltre a questa versione tradizionale, ne esistono infinite varianti: ai funghi, con Emmental, vegetariana, al Munster e persino la versione dolce alle mele.

Se dovessi eleggere la regina delle tartes flambées io sceglierei senza dubbio quella con aglio e erba cipollina (ail-ciboulette), ovviamente sempre accompagnata da qualche mentina per l’alito al termine del pasto!

Tarte flambée alsazia

BÄCKHEOFFE

Altro piatto imperdibile per gli amanti della carne, il Bäckheoffe è una sorta di spezzatino preparato utilizzando un misto di tre carni diverse (maiale, agnello e vitello) che vengono cotte in forno con patate, verdure, spezie e vino bianco.

Questa pietanza dal nome quasi impronunciabile viene sempre servita in una casseruola in ghisa o terra cotta ed è ottima accompagnata da un bicchiere di Riesling alsaziano.

Personalmente non sono una grande amante dei secondi piatti a base di carne, ma la bontà di questa ricetta è innegabile.

Perdonatemi, ma nel mio archivio infinito di foto di Strasburgo, non sono riuscita a trovarne nemmeno una del Bäckheoffe .

TARTE AU FROMAGE BLANC

Se la tarte flambée è il mio piatto salato tradizionale preferito, al primo posto della classifica dei dolci c’è la torta al fromage blanc.

Simile ad una cheesecake americana, si distingue proprio per la preparazione con questo formaggio tipico francese, che le conferisce una punta di acidità bilanciata alla perfezione dall’aroma alla vaniglia. Assolutamente imperdibile per gli amanti del genere!

tarte au fromage blanc

KUGELHOPF

Facilmente riconoscibile grazie allo stampo con cui viene realizzato, questo dolce alsaziano ha una forma cilindrica con motivo a turbante e al centro il tipico buco della ciambella . La consistenza è soffice e morbida come quella di una brioche, mentre l’impasto aromatizzato al rhum è farcito con uva passa e mandorle. Un dolce semplice, ma goloso che viene servito specialmente durante le festività.

Come accade per molti piatti alsaziani esiste anche la versione salata, farcita con cubetti di pancetta e noci, che viene servita come aperitivo.

Tra le due, io da buona golosa, preferisco la prima!

(+1) E QUALI SONO LE BEVANDE IMPERDIBILI?

Se siete amanti del vino bianco l’Alsazia è la meta che fa per voi. Rinomati in tutto il mondo, i vini alsaziani sono una vera attrattiva della regione, tanto che uno degli itinerari più caratteristici è proprio la strada dei vini che si snoda per 170 km attraversando vigneti e borghi da cartolina.

Le alternative tra cui scegliere sono numerose: il più noto tra i vini alsaziani è probabilmente il Riesling dal gusto delicato e raffinato, ma non sono da meno il Pinot Gris, il Muscat d’Alsace e anche il Pinot Noir, l’unico rosso prodotto in Alsazia.

Tuttavia, per quel che può valere la mia solita opinione non richiesta, il vero e imperdibile vino alsaziano è il Gewürztraminer Vendange Tardive che, come suggerisce il nome, viene prodotto dall’uva vendemmiata tardivamente che conferisce al vino un sapore unico.
Non sempre facile da reperire e nemmeno a buon mercato, è il mio vino preferito in assoluto!

Adesso che sapete cosa mangiare in Alsazia, vi suggerisco un paio di indirizzi dove mangiare a Strasburgo!

post a comment